SERGIO LUZZATTO

Introduce Alessandro Mezzena Lona

La tumulazione del milite ignoto, nel novembre 1921, è stata forse la più importante cerimonia nazionale dell’Italia unita. Le spoglie di uno degli oltre duecentomila soldati caduti e mai riconosciuti divennero – per tutti gli italiani – il simbolo stesso della Grande Guerra. Ma quella del milite ignoto non è soltanto una storia di anonimato simbolico. È la storia di un caduto triestino con un nome e un cognome: Antonio Bergamas. La sua vicenda è emblema di un destino condiviso non soltanto nella morte, ma anche nella vita.

Sergio Luzzatto insegna Storia moderna all’Università di Torino