Paolo Possamai

Introduce Alessandro Mezzena Lona

Le architetture neoclassiche a Trieste si contraddistinguono per la profusione di statue, fastigi e rilievi, in una misura che forse non ha riscontro in altre città. Sulla Borsa merci, sul Teatro, sui palazzi della ricca borghesia l’esibizione di statue dei Continenti, di Nettuno, di Mercurio e di Minerva sempre richiama soprattutto il tema del mare e dei commerci, cioè l’essenza profonda della città. Ma da cosa nasce questa volontà di rappresentare se stessa, di esibire spasmodicamente la propria identità?